venerdì 27 febbraio 2015

Collaborazione Criccosa: Sunrise di Anna Louise Rachelle

Con la collaborazione della casa editrice Genesis Publishing segnalo un romanzo romantic suspense, della Collana "Romance", in uscita il 4 Marzo 2015 intitolato "Sunrise" di Anna Louise Rachelle.





Sinossi:
Kaily Jefferson, 22 anni, orfana di entrambi i genitori, trova rifugio nella casa dei suoi nonni paterni. Qui, conduce una vita semplice e monotona, tentando di sopravvivere a quella perdita che aveva reso il suo cuore insofferente ai veri sentimenti. Tuttavia, nulla può contro il destino che ha deciso di scaraventarla, ancora una volta, nell’abisso del dolore.
David Lake, ex Ufficiale delle Forze Speciali Statunitensi, si trova in un mare di guai quando la missione di ricognizione che sta svolgendo con la sua squadra si trasforma in un’imboscata. Tutti i suoi compagni vengono uccisi, mentre lui rimane gravemente ferito e impossibilitato a fuggire.
L’incontro inconsueto fra Kaily e David cambierà le loro vite. Lei, sarà costretta ad affrontare i suoi demoni personali, senza più alibi; il passato è tornato a presentare il conto, sotto forma di una missione che non può fallire: salvare quell’uomo. Lui dovrà ambientarsi nella vita civile di un piccolo paese, lottando strenuamente contro la minacce invisibili per mantenere segreti i motivi della sua presenza in quel luogo sperduto; cercherà di rimettersi in sesto per riscuotere la sua Vendetta.
Fra sentimenti inespressi e operazioni militari, le storie di questi due personaggi si intrecceranno inesorabilmente, dando vita ad una nuova alba per due anime apparentemente perdute.

COLLANA: Romance [IN USCITA!]
GENERE: Soft Romantic Suspense
PREZZO: € 2,99
PAGINE: 200
ANNO: 2015, 4 Marzo 2015
ISBN Kindle: 978-88-98769-17-9
ISBN ePub: 978-88-98769-18-6
Link per l'acquisto: clicca qui


ANNA LOUISE RACHELLE
Amante della scrittura e sognatrice di professione, si getta a capofitto in questo mondo di fantasia e personaggi di carta da giovane, dando vita al suo romanzo d’esordio Sunrise.  Ama scrivere nella tranquillità della sera, dimentica delle incombenze quotidiane e con musica classica di sottofondo.

Se siete interessati vi segnalo l'Intervista Criccosa alla Genesis Publishing

giovedì 26 febbraio 2015

I servizi a pagamento dei blogger

Il blog ha poco più di un anno, ma solo da agosto ho iniziato a prendermene cura seriamente cercando di postare regolarmente, aprendo nuove rubriche che possano essere interessanti per i lettori e utili per gli scrittori e le case editrici. Mano, mano scrittori e lettori mi hanno contattata consigliandomi nuove rubriche o dandomi spunti per nuove discussioni (criccose), ma rimango meravigliata quando, sempre più frequentemente, autori chiedono se i miei servizi siano a pagamento.

Ribadisco a gran voce NO. Il blog Cricche mentali di un'aspirante scrittrice è un mio piccolo rifugio di discussioni letterarie ed è una piccola vetrina nel web che dà l'opportunità di un pò di visibilità agli scrittori. Per me ci deve essere collaborazione tra colleghi di penna, altrimenti siamo fritti per come è la situazione in Italia XD.



Ma perchè spesso mi fanno questa domanda?
Perchè ci sono blogger che prendono un compenso non solo per recensioni, ma anche per segnalazioni e interviste.
Ognuno è libero di fare quello che vuole e se uno scrittore vuole pagare il servizio di un blogger lo può fare benissimo. Non ho intenzione di fare la morale è semplicemente una riflessione quella che faccio, in particolar modo, riguardo alle recensioni che, a questo punto, mi chiedo quanto possano essere veritiere.
Se io, scrittore, pago un blogger per una recensione, non mi aspetto una critica da una stella e neanche un giudizio che arriva appena alla media o sbaglio?
Pago per un servizio che mi può far risaltare e non buttarmi giù.

Sembra una sciocchezza, ma soprattutto per gli autori che iniziano a pubblicare le loro opere (indipendentemente se self o con casa editrice) i blogger sono importanti per segnalazioni, interviste, blogtour, soprattutto per le recensioni e tanti di loro le fanno gratuitamente perchè è una passione. Ovviamente, a questo punto, un autore si può aspettare qualsiasi riscontro, sia negativo che positivo, ma sono dell'idea che un bravo blogger sappia come dosare le parole dando la sua opinione senza urtare o danneggiare in particolar modo un libro nel caso in cui si tratta di una critica negativa.

Voi cosa ne pensate dei servizi dei bloggers a pagamento? :)

altri post:
Indice Discussioni Criccose

Stefania

martedì 24 febbraio 2015

Intervista a Serena Barsottelli

Chi è Serena Barsottelli? 
Mmm... Penso che questa sia la domanda più difficile a cui si possa rispondere! Tenterò di scrivere qualcosa su di me...
Classe 1985, toscana, curiosa, determinata e... sicuramente un po' rompi scatole!
Una ragazza con i piedi per terra e la testa per aria, in cerca di un equilibrio diverso tra realtà e sogni.
E, per finire, una guerriera. Ho sempre lottato contro le ingiustizie del mondo. Sono arrivata a lottare perfino contro una parte di me stessa, quella malata d'anoressia. Sono una che non ama perdere... e, come amo ricordare, ho vinto io.

Come è nata la passione per la scrittura?
Da quando ho imparato a scrivere non ho più smesso: diari, lettere, le prime poesie... poi ricerche, il primo saggio, i primi racconti brevi... e così via, sempre alla ricerca del modo migliore di dare voce al mondo dentro e fuori me.
Senza dubbio la passione per la scrittura si è legata all'amore per la lettura e alla curiosità di capire le persone intorno a me.
Ho sempre desiderato mettermi nei loro panni ed entrare nella loro testa.
La scrittura, accompagnata dall'empatia, è un ottimo strumento per capire meglio gli altri... e se stessi.

Qual è il tuo stile? 
Essendo curiosa per natura, amo sperimentare.
Non sono una scrittrice di saggi o di poesia o di racconti o di romanzi o di articoli.
Per parlare di me, occorre trasformare tutte queste “o” in “e”.
Amo scrivere e comunicare, per questo di volta in volta scelgo la forma che ritengo più adatta a veicolare il messaggio che voglio trasmettere.
Tendenzialmente quando scrivo un saggio cerco di essere il più precisa possibile; dedico molto tempo alla documentazione e alla ricerca di fonti per le diverse teorie. La parte bibliografica è fondamentale... il resto viene quasi da solo, nella mia testa!
Per quanto riguarda le poesie, a volte sono brevi come un respiro. In questo caso amo dipingere una breve sensazione, come un quadro impressionista. Il lettore dovrà fare lo sforzo di riconoscersi in un lampo. Talvolta, invece, amo creare dei veri e propri quadri precisi e articolati, spesso decadenti. Dentro ognuno di noi abita un lato oscuro, che teniamo nascosto alla società. In molte opere voglio dare voce a questa angoscia, a questa paura, a questo “passeggero oscuro” (termine che gli appassionati di “Dexter” riconosceranno) che ci accompagna ogni giorno.
Nei racconti, infine, non amo la semplicità. Voglio che il lettore si sforzi di capire. Che sia presente, con la sua testa e con il suo cuore, nella narrazione. In questo contesto lascio libero gioco a empatia e sperimentazione.

Il genere letterario che preferisci di più? 
La narrativa, senza dubbio. Non tralascio, però, la poesia. Se potessi rispondere con un titolo di un libro, direi “Seta” di Alessandro Baricco: il perfetto connubio tra la forma narrativa e la poesia dei contenuti e delle parole.

Quale genere letterario non ti piace? 
Credo di non essere molto attratta dal racconto erotico.
Essendo, però, molto curiosa e mentalmente aperta, potrei acquistarne un titolo e innamorarmi perdutamente di un racconto di questo tipo, al di là del genere.

Come nascono le tue storie? 
Altra domanda molto bella e molto complessa al contempo.
Dipende.
Alcune storie nascono da due o tre parole che mi frullano in testa al momento del risveglio. Provo a seguire il filo rosso e lascio che la storia venga giù quasi da sola.
Altre, invece, dalla mia parte nascosta, così diversa dalla ragazza sorridente e tranquilla che molti sono abituati a conoscere.
Altri ancora dal mio vissuto e dal mondo che mi circonda.
Concludendo, nascono da un'idea, che può essere a sua volta ispirata dalla realtà intorno a me, da una parte di me o dal dj che mette i dischi nella mia mente.

In genere ti immedesimi nei tuoi personaggi? 
Mentre scrivo abbandono totalmente Serena per cercare di entrare nella mente del personaggio.
L'unico personaggio che ho lasciato libero di spaziare in me e nelle parti più nascoste di me è Lisbeth Pfaff, il mio alter ego. Sto proprio lavorando a un racconto lungo che le darà ampio spazio e voce.

Come è nata la tua ultima opera? 
“D'Amore, Morte e d'altri miti” è una raccolta di poesie edita da Edizioni CinqueMarzo.
Molti anni di versi hanno subito una dura selezione e sono stati raccolti in due sezioni dedicate ai grandi miti della condizione umana: l'Amore e la Morte, la vita e la distruzione. Un binomio non sempre così antitetico, ma spesso dai rapporti più complicati di quanto si creda.

Stai lavorando a qualche altro libro? 
In cantiere ci sono diversi progetti: un saggio che completerà il primo, “VoraceMente”, edito nel 2014 da Edizioni CinqueMarzo.
Sto continuando a scrivere poesie e racconti.
Infine, sto lavorando a un pezzo teatrale... un riadattamento di un'opera molto conosciuta. Al momento non posso dire altro!

Il tuo sogno? 
Ne ho tanti... forse troppi!!! Il primo, pubblicare un libro, è stato realizzato.
Ora vorrei poter rispondere alla domanda “Che lavoro fai?” con “La scrittrice”. Per il momento mi limito a proseguire il mio tirocinio e il mio apprendistato, lasciando la scrittura come terzo lavoro.
In fondo le giornate hanno ben 24 ore, no?! ;)

Contatti: 

Email: serena.barsottelli@hotmail.it

domenica 22 febbraio 2015

Autore Criccoso: Jolanda Buccella "L'erba cattiva"

Jolanda Buccella
autore di                                               "L'erba cattiva" 


Sinossi:
Angelica è una ragazza di quindici anni, vive un’esistenza serena accanto ai suoi genitori e alla sorella minore fino a quando dalla tranquilla isola di Ponza è costretta a trasferirsi nella frenetica Milano. La separazione improvvisa dalla sua amata isola e dagli affetti più cari fa esplodere nella ragazza una fragilità emotiva che spazza via tutte le sue già precarie certezze, a Milano non riesce a sentirsi a suo agio, il cielo costantemente grigio della città, il traffico caotico e la gente fredda e distaccata ma soprattutto il nuovo liceo la catapultano in un mondo che non avrebbe mai voluto conoscere. Sin dal suo primo giorno nel prestigioso liceo classico Beccaria diventa bersaglio di mille angherie da parte  dell’Erba Cattiva, un gruppo di ragazze terribili capitanato da Jennifer o meglio conosciuta come la mitica Queen, una sedicenne cresciuta a Quarto Oggiaro che nel suo gruppo è riuscita a trovare la forza per sentirsi una vincente a dispetto di una famiglia difficile e del quartiere marginale da cui proviene. Jenny è abituata a praticare la religione della violenza e ama ridurre a pezzi coloro che considera nemici, Angelica diventa una nemica dalla prima volta che ha la possibilità di incrociare il suo sguardo, la odia per la sua bellezza, per il suo status sociale e per la sua famiglia che sembra più adatta alle pagine di una rivista patinata che alla vita reale. Ben presto tutto quel rancore si trasforma in una vera e propria persecuzione che Angelica non ha i mezzi emotivi per combattere, la ragazza inizia a sentirsi sempre più sola e disperata non riuscendo a parlare del suo problema con nessuno, tantomeno con i suoi genitori che sono troppo concentrati su se stessi per ascoltarla, il papà lavora anche di notte per mettersi in mostra nel suo nuovo studio legale mentre la mamma è divisa tra la depressione per un grave lutto e il lavoro in una rivista femminile che non la soddisfa abbastanza. Le giornate di Angelica trascorrono nell’incubo perpetuo degli attacchi crudeli dell’Erba Cattiva, una vita che non è più vita, l’unica luce in fondo al tunnel che sembra averla risucchiata è Mattia, un ragazzo dallo sguardo magnetico poco più grande di lei che dal loro primo incontro si dimostra sempre molto gentile e disponibile nei suoi confronti. Trascorrere qualche ora in compagnia di Mattia aiuta la ragazza a distrarsi dai suoi pensieri più negativi e col tempo le dà modo di scoprire un sentimento molto speciale che non aveva mai provato prima. È innamorata ma non ha il coraggio di confessarglielo, l’Erba Cattiva con i suoi insulti quotidiani è riuscita a farla sentire un brutto anatroccolo che nessun ragazzo potrà mai guardare con occhi innamorati. Angelica non immagina che anche Mattia ha una cotta per lei, la ama dall’inizio della scuola colpito dalla sua semplicità che la rende diversa da tutte le altre che ha conosciuto e non vede l’ora di dirle tutto, ma un terribile malinteso lo porta a credere che la ragazza sia già innamorata di un altro. Pur tra mille dubbi e incertezze e con il cuore rotto dal dolore, Mattia decide di continuare a uscire con lei cercando di calarsi nei panni di un amico buono e sincero ma è una recita che non ha lunga durata. Un nuovo malinteso porta i due ragazzi a litigare furiosamente e Angelica si ritrova sola e disperata in uno dei momenti peggiori, la mamma e il papà hanno deciso di separarsi, a scuola è un disastro non avendo più la concentrazione necessaria per impegnarsi nello studio e gli attacchi dell’Erba Cattiva si fanno sempre più spietati. Dal semplice attacco verbale si passa ben presto a quello psicologico, con una pagina facebook sulla quale la mitica Queen e le sue seguaci si divertono a distruggere l’immagine della ragazza e che giorno dopo giorno raccoglie centinaia di fan. È una guerra spietata, una guerra che si conclude in un giorno come tanti nel bagno della scuola, un ultimo atto sanguinario che costringe Angelica in un letto d’ospedale a vivere le ore più angosciose della sua esistenza. La mamma e il papà la spingono a denunciare i suo aggressori ma lei non vuole, ha troppa paura di possibili ritorsioni da parte di Jennifer ecco allora che entra in scena Delia, la psicologa del Beccaria e madre di Mattia. Delia è una donna dal grande ottimismo nonostante la vita l’abbia messa a dura prova, ha perso l’uomo della sua vita e il padre dei suoi due figli dopo un calvario durato nove anni chiamato Sla. La donna diventa per Angelica un punto di riferimento, un’amica alla quale confidare tutte le pene che nasconde nel cuore. L’intervento della psicologa avrà un effetto provvidenziale, attraverso una serie di incontri con Angelica e le sue persecutrici che si svolgeranno all’interno della scuola aiuterà la ragazza a scoprire un coraggio e una determinazione che pensava di non avere e insegnerà alle seguaci dell’Erba Cattiva che il rispetto e la considerazione degli altri possono essere ottenute anche con mezzi diversi dalla prepotenza.

Info
Titolo: L'erba cattiva 
Autore: Jolanda Buccella
Editore: Amazon
Genere: Narrativa
Pagine: 439
Pubblicazione: 29 gennaio 2015
Acquisto: Amazon

Estratto:
Stamattina gli occhi di Angelica non vogliono proprio saperne di aprirsi, sembrano appiccicati da una colla speciale, tutta colpa delle lacrime di questa notte. L’oscurità nella camera è totale, quel sottile filo di luce che penetra attraverso la fessura della porta è accecante come un lampo quando arriva nel bel mezzo di un violento temporale notturno a squarciare le tenebre. Ha ancora le cuffiette dell’ipod nelle orecchie, è crollata ascoltando Alessandra Amoroso che cantava: “Assomiglio a te che fuori sembro forte e all'improvviso crollo e sono tutto oppure sono niente…”. È di nuovo giorno, la mamma ha spalancato tutte le tapparelle e ha appena finito di svuotare l’asciugatrice. Si muove con passo veloce, è già un vulcano di energie nonostante l’alba sia trascorsa da poco meno di mezz’ora. Angelica detesta tutta quella sua iperattività di prima mattina. Alma è l’unico essere umano al mondo che non vive come un trauma il distacco dal letto. Ora si è spostata in cucina a preparare la colazione. Tra cinque minuti chiamerà il papà per il suo caffè poi, come quasi tutte le mattine, verrà ad avvertirla che deve smetterla di poltrire a letto se vuole fare colazione in tranquillità e non rischiare di litigare con Allegra per aggiudicarsi il diritto a entrare in bagno per prima. Allegra è lasua sorellina minore, è ancora una bambina di terza media ma ci mette già un’eternità a prepararsi. Per la piccola peste di casa è un peccato mortale presentarsi a scuola senza avere i capelli perfettamente piastrati, un tocco di rimmel sulle ciglia e almeno uno strato di lucido color ciliegia sulle labbra, non molla il bagno fino a quando non si convince di essere bellissima e schiocca un bacio squillante allo specchio che la mamma ha da poco tirato a lucido con il Vetril. E spesso succede che se lei non riesce a vincere la sfida dei centoventi metri che separano la cucina dal bagno, evitando tutti gli ostacoli che l’adorabile peste le fa trovare lungo il percorso, le rimangano poco meno di una manciata di minuti per: lavarsi, vestirsi in modo decente e non rischiare di perdere il tram. Angelica solleva leggermente la testa dal cuscino, dà uno guardo distratto alla radiosveglia a forma di Hello Spank sul comodino accanto al letto ed emette un sospiro di dispiacere: Accipicchia, sono già le sei e venti! Darebbe qualsiasi cosa pur di dormire altri cinque minuti. Si mette a pancia in giù e nasconde la testa sotto al cuscino. Soltanto altri cinque minuti di sonno, anzi, magari tutto il giorno a poltrire nel lettone e non essere costretta ad affrontare quelle vipere velenose dell’Erba Cattiva: darebbe qualsiasi cosa affinché il suo desiderio potesse realizzarsi. Gli occhi le si chiudono dolcemente quando appoggia di nuova la testa sul guanciale, si lascia andare, ha bisogno di tornare nella pace del sonno e non pensare più a niente.

Biografia:
Jolanda Buccella nasce a Oliveto Citra (SA) il 28 giugno del 1980,  attualmente vive a Milano e si divide tra il lavoro e la scrittura la sua più grande passione. L’Erba Cattiva è il suo secondo romanzo pubblicato da Amazon a gennaio del 2015 nel quale tenta di affrontare con tatto e delicatezza il difficile tema del bullismo.

venerdì 20 febbraio 2015

Collaborazione Criccosa: Lanty&Cookies di Tiziana Iaccarino

Con la collaborazione della casa editrice Genesis Publishing segnalo il  primo romanzo di una serie della Collana "Romance" uscito il 5 Febbraio 2015 intitolato "Lanty&Cookies" di Tiziana Iaccarino.



Sinossi:
Lanty è una stilista di accessori dalla vita professionale perfetta: ha intrapreso l'attività dei suoi sogni e sta per aprire uno showroom nel quadrilatero della moda milanese, in via Montenapoleone.
Tutto sembra procedere per il meglio se non fosse che la sua vita privata, al contrario, va completamente a rotoli o meglio... che i suoi rapporti con il marito Marcello, giornalista, non siano proprio idilliaci.
A tormentarla è un problema quasi inconfessabile: è in totale astinenza sessuale! Tutta colpa di un marito che non le si concede da un anno, che le sfugge in ogni modo e le offre l'occasione di rimettere in discussione il loro rapporto. Ma Lanty non si dà per vinta ed escogiterà qualunque sistema, persino bizzarro, per risvegliare i sensi sopiti del coniuge. Ma proprio nel momento in cui pensa di gettare la spugna, ecco che a liberarla dalla sua astinenza ci pensa Giorgio, brillante avvocato amico di suo marito.
La nostra protagonista, però, non immagina che dietro l'angolo ci sia ad aspettarla una scoperta che rimescolerà le carte in gioco e le cambierà la vita per sempre. 
Lanty&Cookies è una commedia dal sapore piccante e una bordatura appena erotica, ma brillante. Ha già conquistato centinaia di persone nella sua prima edizione e si rivelerà scoppiettante e ricca di retroscena inaspettati in questa nuova edizione che offre il titolo a una serie vera e propria con la quale le avventure di Lanty continuano!

COLLANA: Romance
GENERE:  Romantico, Chick lit
PREZZO: € 2, 99
PAGINE: 80
ANNO: 2015,
ISBN Kindle978-88-98769-49-0
ISBN ePub: 978-88-98769-50-6
Link per l'acquisto: clicca qui


TIZIANA IACCARINO
Nasce a Napoli. Ama e apprezza l'arte in tutte le sue forme e ha una predisposizione naturale per il disegno e la scrittura. Ma non solo, poiché a soli cinque anni canta in televisione e cresce seguendo tutte le sue passioni artistiche. Inizia a scrivere con maggiore impegno solo durante l’adolescenza affrontando una lunghissima gavetta attraverso concorsi letterari per poesie inedite con cui comincia a farsi conoscere. A diciotto anni si iscrive a un'Accademia d'Arte Drammatica che le permette di recitare presso i teatri più importanti della sua città. Parla fluentemente lo spagnolo, sua seconda lingua e sta migliorando l'inglese.
Attualmente vive in Inghilterra e ama viaggiare, facendo spesso la spola con l'Italia.



Se siete interessati vi segnalo l'Intervista Criccosa alla Genesis Publishing

giovedì 19 febbraio 2015

Intervista Criccosa a Edizioni della Sera

Oggi presento un'altra casa editrice che non chiede alcun contributo all'autore :)
Si tratta di Edizioni della Sera e per proporre un vostro scritto dovete inviare:
-scheda descrittiva dell'opera
-nota biobibliografica 
-l'opera completa
Mandate tutto all'indirizzo mail manoscritti(at)edizionidellasera.com o a proposte(at)edizionidellasera.com  
Per la pubblicazione in ebook occorre proporre l’opera a ebook(at)edizionidellasera.com.
Le agenzie letterarie possono proporre la loro opera rappresentata alla mail:agenzie@edizionidellasera.com.
Per informazioni più dettagliate vi rimando al link Invio Manoscritto




Chi è Edizioni della Sera?
Edizioni della Sera è un casa editrice indipendente di Roma.  Siamo attivi nel panorama editoriale italiano dal 2010 e l'evoluzione è stata sempre un punto di forza:
non rimanere mai fissi ma creare, sperimentare. In definitiva: osare. 

Cosa è previsto nel contratto editoriale?
È un contratto editoriale standard in cui si precisano diritti e doversi sia dell'Editore che dell'Autore, la tiratura iniziale, la distribuzione del volume,
la percentuale spettante sui diritti d'autore, la durata del contratto. 

Pubblicate con contributo?
Assolutamente no.

Dove è possibile trovare i vostri libri?
Abbiamo raggiunto una distribuzione nazionale in libreria, nelle biblioteche e negli ipermercati. 

Qual è la vostra politica per la promozione dei libri e degli autori?
Lavorare a fianco dell'autore è un valore aggiunto per la buona riuscita del libro.
Puntiamo molto sul canale stampa e sulla visibilità social, lavorando su anteprime, interviste e recensioni mirate.
I numerosi eventi che organizziamo in diversi contesti sono un tassello fondamentale del processo di comunicazione.

Pubblicate entrambi i formati o tendete di più alla versione cartacea o digitale?
Rimane forte il catalogo cartaceo a cui stiamo affiancando, con un progetto ad hoc, un catalogo ebook alternativo.

Progetti futuri?
Affermarsi. E ancora sperimentare. Osare.
Ci apriremo, come casa editrice generalista, a diverse collane e a diversi argomenti cercando di prediligere qualità e andando incontro alle richieste di mercato e, dove possibile, colmare delle lacune.

Ringrazio l'ufficio stampa di Edizioni della Sera per aver gentilmente risposto alle mie domande e segnalo:
Sito: http://www.edizionidellasera.com/


Per leggere altre Interviste:


martedì 17 febbraio 2015

Intervista a Diletta Brizzi

 Chi è Diletta Brizzi?
Bella domanda questa...sono una sognatrice e un'inguaribile romantica. Sono una ragazza come tante altre con la passione per la scrittura e per i libri. Fino a qualche anno fa mi sarei sentita un'emarginata, questo causato anche dalle persone che avevo intorno e che - per fortuna - ho eliminato dalla mia vita perché negative. Ora mi sento parte di un gruppo che piano piano comincia a farsi largo nel web. I self. Alcuni li vedono come degli sfigati emarginati ma non hanno capito niente. Tra di loro ci sono persone che hanno lottato e che continuano a lottare con le unghie e con i denti per presentare i loro piccoli gioielli.

Come è nata la passione per la scrittura?
La passione per la scrittura è nata come conseguenza di un'altra mia passione: la lettura. Fin da piccola ho sempre letto tanto, di tutto, sia per la scuola sia per conto mio. Una volta mi sono chiesta come sarebbe stato se il personaggio di un romanzo che stavo leggendo avrebbe fatto una scelta diversa e ho iniziato a scrivere. Da lì sono passata ai GDR che si trovavano su Facebook, grazie ai quali ho conosciuto la mia attuale grafica, Elisabetta Baldan, e il mio attuale fidanzato, Yvan Argeadi.

Qual è il tuo stile?
Non ho un particolare tipo di stile, né mi ispiro a nessun tipo di autrice. Il mio stile penso dipenda dalle emozioni che provo nel momento in cui scrivo un determinato tipo di romanzo o racconto. Per esempio per l'antologia She is my Sin sto cercando di differenziare i vari racconti soprattutto nello stile per renderli unici e non fatti con lo stampo.

l genere letterario che preferisci di più?
Tutte le sfaccettature del romance e del fantasy. Il paranormal romance è senza dubbio il mio preferito perché riesce a far coesistere la tematica romantica a quella paranormale/fantastica. Non mi ha mai stancato e penso che non mi stancherà mai.

Quale genere letterario non ti piace?
Eh...devo dire che i gialli e i thriller non mi attirano particolarmente.

Come nascono le tue storie?
Le mie storie nascono sempre da un'idea, una scintilla che può partire sia dalla mia mente sia dalla mente della persona con cui ho intenzione di scriverla. Sono convinta che quando meno ci si aspetta le cose, queste arrivano. L'ispirazione arriva sempre.

In genere ti immedesimi nei tuoi personaggi?
Sempre. Ci sono volte in cui mentre scrivo, mi sono talmente immedesimata nella protagonista che piango, mi arrabbio e gioisco insieme a lei. So che è strano da dire ma è così. In quel momento la protagonista sono io e lei è me.

Come è nata la tua ultima opera?
La She is my Sin Saga è nata quando mi sono resa conto che si è sempre parlato di angeli caduti, di
nephilim ma mai, o poco, dei sette principi dell'inferno. In un certo senso loro sono sempre stati visti come il Male. Ma se così non fosse? Se anche loro fossero le vittime di tutto? Con questa saga ho voluto e voglio ancora far vedere il rovescio della medaglia.

Stai lavorando a qualche altro libro?
Attualmente mi sto concentrando sulla She is my Sin Saga tuttavia ho all'attivo un altro progetto con Yvan, Il fascino del male, un altro con una ragazza che adoro e ammiro (tu sai chi sei u.u) ma di cui per ora non parlerò e poi un romanzo tutto mio incentrato sui vampiri a cui tengo molto perché è un qualcosa che ho scritto circa quattro anni fa.

Il tuo sogno?
Il mio sogno è quello di poter vedere i miei romanzi pubblicati su uno scaffale di una libreria. Penso che questo sia il sogno di tutti gli aspiranti scrittori. Tuttavia ce ne è un altro ben più importante: riuscire a trasmettere ai lettori tutte le emozioni che io stessa ho provato mentre scrivevo.

Contatti:
Sito dell'autrice: http://dilettabrizziautrice.blogspot.it/
Pagina facebook: https://www.facebook.com/DilettaBrizziScrittrice
Twitter: https://twitter.com/DilettaBrizzi
Instagram: http://instagram.com/dilettabrizzi


domenica 15 febbraio 2015

Autore Criccoso: Caterina Armentano "L'incanto di Fantasia"

Caterina Armentano
autore di                                             "L'incanto di Fantasia"


Sinossi: In una notte sinistra e tempestosa, mentre i tuoni e i lampi dirompono tra cielo e terra, Minerva abbandona l’Olimpo per far visita a una bambina, relegata in una caverna da un intero villaggio. La piccola non ha un nome e ha una grave disabilità: non sa parlare, per questo si esprime tracciando disegni sui muri della caverna che la ospita. Minerva rimane affascinata da tante meraviglie, decide così di farle un dono. Le verrà dato un nome: Fantasia. La bambina capirà ben presto di poter dar vita a creature straordinarie, quelle del libro incantato che lei stessa creerà e che magicamente si animeranno: pere magiche, colori fatati, folletti dispettosi, draghi con poteri straordinari, re razzisti, fratelli intrepidi, chiavi che conducono in mondi alternativi, pozioni che inducono il sonno eterno.
Fantasia si prenderà cura di tutte le sue creature, rivelandosi migliore di coloro che l’hanno abbandonata, dimostrando che la sua capacità di amare è più forte della Paura, della Solitudine e dell’Abbandono.

Info
Titolo: L'incanto di Fantasia
Autore: Caterina Armentano
Editore: 0111 Edizioni
Collana: La Verde
Pagine: 165
Pubblicazione: 2014


Biografia:
Caterina Armentano, nata e residente in Calabria, è venuta in contatto con la scrittura in tenera età, dopo aver scoperto l’amore per la lettura. Folgorata dai diversi universi celati nelle pagine dei libri, decise lei stessa di creare fiabe e racconti. In età adulta si dedica con più serietà alla sua passione pubblicando nel giugno 2006 una raccolta di poesie “Il sentiero delle parole” edito Torchio Editore, nel febbraio 2008 una raccolta di racconti “Sotto l’albero di mimosa” edito Aletti Editore, e nel novembre 2010 il romanzo “Libero arbitrio” edito 0111 Edizione, ripubblicato in formato e-book, per la stessa casa editrice, nel gennaio 2014. Nello stesso periodo pubblica, per quelli della 0111 Edizione “Segni” spin off di Libero arbitrio, scaricabile gratuitamente. Nel giugno 2014 pubblica la raccolta di fiabe “L’Incanto di Fantasia” edita 0111 Edizioni. Nel  dicembre dello stesso anno pubblica su ISSUU, il racconto breve: “L’Arcangelo e il Bambino”. Numerose poesie, racconti e fiabe sono state inserite in varie raccolte antologiche. Le tematiche da lei trattate sono il femminicidio, la violenza sulle donne e le problematiche sociali. Collabora con il sito www.good-morning.it con mansione redattrice blog e con  il sito letterario Bookly, Maybe. Ha collaborato con il web magazine Fantasy Planet. Dei suoi articoli di psicologia, spettacolo e cronaca, sono stati pubblicati sul web. Per TruFantasy cura la rubrica “Donne Mitiche” dedicata alle donne più influenti della storia e della letteratura. 
Condivide l’amore per il fantastico con le sue due bambine, con cui inventa mondi incantati. 
Cura il blog personale “Libero arbitrio blog” (http://caterinaarmentano.blogspot.it/).

Contatti: 
Blog personale Libero arbitrio blog

venerdì 13 febbraio 2015

Collaborazione Criccosa: Devil's tears - La morte è soltanto l'inizio di Anna Reed

Inauguro la rubrica Collaborazioni Criccose, che sarà online ogni venerdì.

Con la collaborazione della casa editrice Genesis Publishing segnalo un romanzo urban fantasy, della Collana "InFantasia" in uscita il 14 Febbraio 2015 intitolato "Devil's tears - La morte è soltanto l'inizio".


Sinossi: 
San Francisco, 2011: dopo più di un secolo trascorso nell’oblio, un vecchio incantesimo pronunciato incautamente riesce finalmente a spezzare le catene e a strappare un’anima oscura dalle braccia dell’inferno.
Con l’ombra di quella maledizione sussurrata a fior di labbra che ancora le stringe la gola, la Contessina Virginie De Condé è tornata a camminare nel mondo dei vivi e dà la caccia a qualcosa. A qualcuno.
Il più giovane dei Montespan non avrà scampo, perché la bellissima ma diabolica maga è sempre stata abituata a vincere e il sangue della sua famiglia è il premio più ambito.
Le sfavillanti feste da ballo e i meravigliosi abiti a ruota del lontano 1864 sono solo un bruciante ricordo. Scappata alla morte per riprendersi ciò che le era stato portato via, è decisa a calpestare chiunque si trovi sulla sua strada pur di ottenere vendetta ma si troverà ad affrontare un inaspettato e potente nemico: sé stessa.
Formule magiche profumate d’incenso, nuovi amori dal gusto antico e nostalgici rancori racconteranno due vite vissute dalla stessa donna, tanto cruenta e insopportabile da farvi innamorare.


COLLANA: InFantasia

GENERE:  Urban Fantasy, Paranormal Romance

PREZZO: € 3. 99

PAGINE: 250

ANNO: 2015, 14 Febbraio 2015
ISBN Kindle: 978-88-98769-47-6 
ISBN ePub: 978-88-98769-48-3

Link per l'acquisto: Clicca qui


ANNA REED
Nasce ventisei anni fa, in un gelido pomeriggio d’inverno. Ha una grande passione per tutto ciò che è rosa, i cupcakes, le serie TV e i viaggi. Sogna di vivere a Londra per passeggiare ogni sera lungo il Tamigi e poter gustare deliziose apple pie.
Adora scrivere di notte, meglio se con la musica nelle orecchie e il profumo di tè al miele e albicocca a stuzzicare la fantasia.
Finisce irrimediabilmente per infatuarsi dei protagonisti maschili delle sue storie e ha un debole per i racconti a lieto fine.



Se siete interessati alla casa editrice vi segnalo l'Intervista Criccosa alla Genesis Publishing